Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

CiceroniAlcuni alunni delle classi 2C Giotto e Petrarca, per la prima volta, hanno assunto le vesti di “Apprendisti Ciceroni” alla xxv edizione delle Giornate di Primavera del FAI. Appuntamento importante che consente ai visitatori di conoscere ed esplorare luoghi spesso poco noti o sconosciuti al grande pubblico.
Ai nostri ragazzi il FAI ha  affidato il compito di far conoscere, in tutte le sue sfaccettature, un vero e proprio gioiello nascosto. A loro l’arduo compito di svelare i segreti del giardino dello Jappelli, di come l’Architetto con la sua maestria era in grado di trasportare i visitatori in un mondo pittoresco e fantastico, di assumere le vesti di esperti botanici spiegando ai visitatori le caratteristiche e il significato delle varie essenze.

La seconda A con l'aiuto dell'esperta di teatro Serena Fiorio ha messo in scena uno spettacolo  in data 24 marzo di quest'anno.
Oggetto della rappresentazione è stato il prologo della Bisbetica Domata di Shakespeare.
L'esperimento ha avuto senz'altro un esito positivo, tanto da poter essere  considerato un punto di partenza.
I ragazzi hanno avuto dei momenti di partecipazione corale, alternati a veri e propri spunti di recitazione individuale, coadiuvati da espressioni di  gestualità e di linguaggio del corpo.
Il lavoro è stato utile per la reciproca conoscenza, la maggiore consapevolezza dei propri mezzi e la conseguente crescita della propria autostima.
Regista dello spettacolo  la signora Fiorio. Presenti alla recita la sottoscritta e parecchi genitori.

FAI1

Avete mai visitato il giardino Romiati dello Jappelli di via del Santo?

Il 25, 26 Marzo noi ragazzi della 2C, insieme con alcuni compagni della sezione musicale, assumeremo, per un giorno, le vesti di "piccoli ciceroni" alle giornate di primavera FAI.

Il giardino normalmente non è aperto al pubblico perciò....è un evento da non perdere...!

ISCRIVETEVI AL FAI!

Vi aspettiamo numerosi

I ragazzi della seconda C

FAI2

Facciamo i  complimenti alle ragazze del corso ad indirizzo musicale della sede Giotto che hanno brillantemente superato l'esame di ammissione al Conservatorio della nostra città.

Si tratta di Anna Poletto e  Giovanna Salvagnin, ammesse alla classe di pianoforte,  e di Giulia Berto e Alessia De Marchi ammesse alla classe di chitarra.

Ancora complimenti a nome dei docenti e dei compagni, e un "caloroso" in bocca al lupo per la nuova avventura musicale!!!

Dopo aver fatto parte, in prima media, della squadra che si è classificata al primo posto alla finale nazionale del Campionato studentesco di giochi logici, e dopo essere arrivata, l’anno scorso, prima nella fase provinciale e terza in quella nazionale, quest’anno ho voluto ripetere l’esperienza. Dopo aver nuovamente vinto la fase provinciale, il giorno 2 aprile ho partecipato alla finale nazionale individuale a Modena.

Nel cuore portavo la speranza di riuscire ad arrivare prima perché era mio desiderio ricevere finalmente, dopo tante vittorie, una coppa che sarebbe rimasta a me.
Avevo a disposizione 90 minuti per svolgere la gara; dopo 35 minuti ho consegnato l’elaborato con tutti i giochi risolti, convinta di essere la prima.

Quando, ore dopo, si sono svolte le premiazioni, ho scoperto che una ragazza aveva consegnato la sua prova pochi secondi prima di me (anche se poi nei risultati ufficiali, non so perché, risulta una differenza di consegna di qualche minuto).
Inutile dire che ci sono rimasta male, soprattutto perché non me lo aspettavo.
Ho però avuto la soddisfazione di essere lo stesso chiamata per una fotografia delle eccellenze con i primi classificati di ogni categoria.

Alla fine ho pensato che anche se non ero arrivata prima, mi ero pur sempre classificata seconda. Inoltre il campionato si svolgerà anche l’anno prossimo. Certo i giochi saranno per me più difficili perché si tratterrà di quelli previsti per il biennio delle superiori, ma sono pronta a ricominciare questa sfida!

Per quanto mi riguarda, consiglio a tutti coloro che amano la logica di cimentarsi in questa competizione perché, comunque finisca, è una esperienza bella ed entusiasmante!

Sara Guarnieri
Classe III sez. B ad indirizzo musicale - Scuola media statale Giotto

LA MATEMATICA?
UN GIOCO DA RAGAZZI!

E’ lo slogan delle edizioni dei Campionati Internazionali di Giochi Matematici del centro Pristem Università Bocconi ed è quello che hanno dimostrato tutti i ragazzi del 1°I.C. che si sono cimentati con entusiasmo e passione in tutte le competizioni proposte.

Le soddisfazioni non sono certo mancate! La squadra Giottomath, formata da Elena Guarnieri, Filippo Pirro Riccardo Vasino, Francesco Venturato, Elena Guarnieri, Riccardo Mazzoleni e Paolo Pinton, si è classificata terza alla finale di Padova della gara a squadre Playmath; Giovanni Caiolo ha partecipato alla finale nazionale dei giochi individuali Kangourou di Cervia; le squadre: Battaglia Navale, formata da Elena e Sara Guarnieri, Tommaso Gomiero e Sara Maria Trainotti, e Tatami, formata da Leonardo Seydel, Francesco Mazzoleni, Francesco Rosetti e Elia Reguzzoni, hanno partecipato alla finale nazionale dei Giochi Logici a squadre di Modena, mentre Elena Guarnieri, Giovanni Caiolo, Leonardo Seydel, Sara Guarnieri e Giulia Berto alle finali individuali e Sara Guarnieri si è classificata seconda; Francesco e Giancarlo Venturato, Riccardo Vasino e Riccardo Mazzoleni hanno partecipato alla finale italiana di Milano dei Campionati Internazionali del centro Pristem.

Ma tutti sono stati bravissimi!!! Un plauso particolare va agli alunni delle classi prime che numerosi si sono iscritti ai giochi proposti. Ragazzi, l’avventura continua il prossimo anno, buone vacanze a tutti!

Le vostre insegnanti di matematica

Locandina Saggi fine anno Corso Musicale GiottoSaggi di fine anno degli allievi del Corso ad Indirizzo Musicale

6 giugno 2016, classe IB ore 15.30, classe IIB ore 17

aula di musica della sede Giotto

7 giugno 2016, classe IIIB ore 17

salone Palazzo Mussato della sede Petrarca

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (locandina_ saggi_ fine_ anno_2016.pdf)locandina_ saggi_ fine_ anno_2016.pdf41 kB

ConcorsoBardolinoGrande successo dei pianisti del Corso ad Indirizzo Musicale della Giotto al Concorso Internazionale per giovani musicisti Città di Bardolino "Jan Langosz", concorso giunto quest'anno alla  decima edizione.

I giovani talenti della Giotto, allievi dell’insegnante Grazia Toscano , hanno conquistato ottimi piazzamenti in tutte le categorie, aggiudicandosi un secondo premio nella categoria pianoforte a quattro mani e tre terzi premi.

Complimenti a Benedetta Baldan e Sara Michelini di 1B, a Francesco Meroi di 2B e a Maddalena Giaretta e Sara Guarnieri di 3B.

Ma non è tutto...!

La "ciliegina sulla torta" è arrivata dalla splendida esecuzione dell'allieva Anna Poletto di 3B al Concorso Nazionale di Piove di Sacco.
Anna è stata premiata con il terzo posto tra tredici pianisti straordinari, eseguendo con padronanza, sensibilità e maturità musicale brani di Bach, Chopin e Debussy.

Davvero bravissimi i nostri ragazzi che con il loro impegno regalano grandi soddisfazioni a docenti e genitori, portando in alto il livello di qualità della scuola.

Riportiamo qui anche l'affettuoso saluto e i complimenti del Dirigente Scolastico Dott.ssa Lucia Marcuzzo.

Il progetto "Tra suono e segno" - Classe IBGli alunni di 1B sono stati coinvolti in uno stimolante percorso che li ha condotti dall’ascolto di brani appartenenti al repertorio classico (Bolero di Ravel; Greensleeves - tema con variazioni, di anonimo del XVI sec.; Libertango di Piazzolla) alla formulazione di una simbologia grafica condivisa, atta a rappresentare gli elementi della sintassi musicale via via evidenziati (ritmo, melodia, struttura formale, carattere…).


Il tracciato emerso è diventato in un secondo momento tema da elaborare attraverso il linguaggio artistico: il colore, la linea ondulata anziché spezzata, la forma astratta o figurativa hanno creato una veste nuova per un linguaggio stilizzato, molto vicino alla scrittura musicale condivisa in occidente e non solo, nel tentativo di veicolare quel surplus di significato che non emerge dalla lettura del pentagramma, ma che si manifesta in tutta la sua pienezza nel momento in cui lo spartito si trasforma in suono.